Sei in: Home » Articoli

Moglie alcolizzata? Illegittimo l'addebito della separazione se il marito conosceva la situazione già prima delle nozze

coppia divorzio separazione

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione prima, sentenza n. 28228 del 18 Dicembre 2013. Va respinta la richiesta di addebito della separazione avanzata dal marito, fondata sulla circostanza che la moglie avrebbe sviluppato una grave forma di dipendenza dall'alcol – rendendo impossibile la prosecuzione di qualsiasi tipo di rapporto matrimoniale, materiale e affettivo – se tale tendenza era già nota allo stesso prima delle nozze

La domanda di addebito è stata rigettata in primo e in secondo grado ed il caso è finito dinanzi alla suprema Corte di Cassazione.

Gli Ermellini, respingendo il ricorso hanno ritenuto la questione infondata. Nella fase di merito il ricorrente non aveva dimostrato che la situazione patologica della moglie fosse a lui sconosciuta prima del matrimonio. Al contrario aveva affermato che la donna si era sempre opposta a sottoporsi a cure idonee; se, nonostante ciò, l'ha sposata, “le difficoltà successive non possono essere sicuramente poste a fondamento della pronuncia di addebito”. Così ha argomentato il giudice nella sentenza impugnata, e la Cassazione non ha ravvisato alcun difetto di motivazione. “La motivazione appare adeguata e logica, con esplicito richiamo agli obblighi di assistenza e comprensione verso l'altro coniuge in caso di malattia, e non è stata neppure specificamente censurata dal ricorrente”. La decisione del giudice d'appello viene quindi confermata.


Vai al testo della sentenza 28228/2013
(22/12/2013 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
» Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Il TFR in busta paga - Guida con fac-simile di richiesta
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti in piazza per l'equo compensoAvvocati e professionisti in piazza per l'equo compenso
Condominio: spese manutenzione ascensore sostenute anche dai proprietari delle cantine e del piano rialzatoCondominio: spese manutenzione ascensore sostenute anche dai proprietari delle cantine e del piano rialzato
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF