Sei in: Home » Articoli

Il demansionamento dell'infermiere nelle cooperative sociali

logo grandezza normale id14694
Associazione Avvocatura di Diritto Infermieristico: il demansionamento dell'infermiere è ormai alla base dell'organizzazione sistematica delle attività sanitarie. Si pensava che fosse utilizzato esclusivamente nelle strutture pubbliche e private per sopperire alla carenza di personale ausiliario, carenza più o meno dolosa, ma comunque sempre generata da una effettiva e cogente necessità. Invece abbiamo superato anche questo limite, unico in Europa. Ora è premeditatamente pianificato dalle cooperative sociali che applicano livelli retributivi e funzionali del “facchino” all'infermiere. In poche parole anziché collocare l'infermiere al III livello retributivo e funzionale del C.C.N.L. UNCI, molte cooperative lo collocano al VII cioè all'area delle pulizie e del facchinaggio, e non solo! Adibiscono realmente l'infermiere a queste mansioni, oltre che alle proprie. Per la prima volta in Italia un'infermiera laureata, dipendente di una cooperativa romana di valenza nazionale, si è ribellata ed ha conferito all'associazione ADI la propria tutela.
A breve, presso il Tribunale di Roma si discuterà la prima causa di demansionamento e sfruttamento sistematico dell'infermiere. Il ricorso a sostegno dell'infermiera è profondamente articolato e radicato sulle diverse normative interne e internazionali che elevano la professione infermieristica a livello intellettuale … www.aadi.it
(25/11/2013 - Mauro Di Fresco)
In evidenza oggi:
» Il ricorso al Prefetto per impugnare una contravvenzione. Guida con fac-simile
» Arriva il conto corrente gratis per redditi bassi e pensionati
» Bonus avvocati 2018: domande entro il 10 febbraio
» Mantenimento: verso l'addio al tenore di vita anche per il coniuge separato
» Calcola il codice fiscale online


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss