Sei in: Home » Articoli

Cassazione: le radici di un albero non costituiscono insidia

albero condominio casa
di Luigi Del Giudice - Corte di Cassazione sentenza 24744/2013.
La presenza di radici di un albero sul margine della strada, circostanza di fatto assolutamente naturale, non costituisce insidia stradale, in particolare quando si tratta di dimensioni tali da poter essere viste per tempo dall'utente della strada.
La Cassazione, in merito a quanto sopra, sottolinea che la responsabilitÓ prevista dall'art. 2051 c.c. per i danni cagionati da cose in custodia presuppone la sussistenza di un rapporto di custodia della cosa e una relazione di fatto tra un soggetto e la cosa stessa, tale da consentire il potere di controllarla, di eliminare le situazioni di pericolo che siano insorte e di escludere i terzi dal contatto con la cosa; detta norma non esonera il danneggiato dall'onere di provare il nesso causale tra cosa in custodia e danno, ossia di dimostrare che l'evento si Ŕ prodotto come conseguenza normale della particolare condizione, potenzialmente lesiva, posseduta dalla cosa mentre resta a carico del custode offrire la prova contraria alla presunzione iuris tantum della sua responsabilitÓ mediante la dimostrazione positiva del caso fortuito, cioŔ del fatto estraneo alla sua sfera di custodia, avente impulso causale autonomo e carattere di imprevedibilitÓ e di assoluta eccezionalitÓ costituisce caso fortuito anche la riferibilitÓ dell'evento a una condotta colposa dello stesso danneggiato (Cass., 17 gennaio 2008, n. 858) e nella specie Ŕ stato escluso un nesso causale tra la cosa in custodia e il sinistro occorso al ricorrente.
Inoltre precisa la Cassazione, il caso fortuito cui fa riferimento l'art. 2051 c.c. deve intendersi nel senso pi¨ ampio, comprensivo del fatto del terzo e del fatto dello stesso danneggiato (Cass. 19 febbraio 2008 n. 4279). Deve ribadirsi -infatti - che nel caso in cui l'evento di danno sia da ascrivere esclusivamente alla condotta del danneggiato, la quale abbia interrotto il nesso causale tra la cosa in custodia e il danno, si verifica un'ipotesi di caso fortuito che libera il custode dalla responsabilitÓ di cui all'art. 2051 c.c. (Cass. 19 febbraio 2008 n. 4279).

Luigi Del Giudice
www.polizialocaleweb.com
(11/11/2013 - Luigi Del Giudice)
In evidenza oggi:
» Multe: sono nulle quelle fatte dal tutor usato come autovelox
» ResponsabilitÓ medica: la colpa lieve resta
» L'Inps cerca avvocati
» Carceri: ok alla riforma
» Separazione e divorzio: l'Istat modifica le schede dei tribunali


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss