Sei in: Home » Articoli

Privacy: intervento del garante sul caso delle ricette in strada

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter 5/11 gennaio 2004) ha reso noto che proseguiranno gli accertamenti nei confronti di un'azienda sanitaria locale romana al fine di verificare il rispetto di tutte le disposizioni in materia di misure minime di sicurezza per il trattamento di dati personali previste dal Codice sulla privacy (d.lgs. n.196/2003) dopo che, a seguito di un'ispezione sanitaria, era stata rinvenuta della documentazione sanitaria (ricette, cartelle cliniche ecc. ) nel cortile di una biblioteca comunale, liberamente accessibile al pubblico.
Nel provvedimento, l'Autorità ha ribadito che i dati personali (in particolare quelli sensibili), devono essere custoditi in modo tale da ridurre al minimo i rischi di distruzione o di perdita, anche se di natura accidentale, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito e che "la mancata adozione delle misure minime di sicurezza configura un illecito penale e può comportare l?ammenda da diecimila a cinquantamila euro o l?arresto sino a due anni".
(19/01/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Il modello per la comparsa conclusionale
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilità
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Regime probatorio: cosa cambia con la legge concorrenza
In evidenza oggi
Cassazione: niente usura sopravvenutaCassazione: niente usura sopravvenuta
Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tantoAffido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF