Sei in: Home » Articoli

Cassazione: sentenza ecclesiastica e richiesta di revisione dell'assegno divorzile. L'autonomia della giurisdizione civile

coppia divorzio separazione coniugale mantenimento antoci

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione prima, sentenza n. 21331 del 18 Settembre 2013. Per il principio di autonomia dei giudizi, è orientamento costante in giurisprudenza non considerare come causa di sospensione del giudizio di divorzio lo svolgersi contestuale di giudizio di accertamento di nullità del matrimonio incardinato innanzi il tribunale ecclesiastico. Nella sentenza in oggetto la Suprema Corte si pronuncia circa la richiesta, proposta da uno dei coniugi, di revisionare l'importo dell'assegno divorzile (imposto da sentenza civile) a seguito di sopraggiunta sentenza ecclesiastica statuente la nullità del matrimonio. Le statuizioni del giudice civile non vengono infatti toccate da tale sentenza.

Ricorda la Corte come sia possibile procedere alla revisione dell'assegno di divorzile solo per cause sopravvenute, quali, ad esempio, la contrazione di nuove nozze, la morte del beneficiario (queste due circostanze comportano l'estinzione stessa del diritto) o il cambiamento della situazione economica di uno o di entrambi gli ex coniugi. Solo in questo modo le ragioni giustificative poste alle base della decisione giudiziale cessano di essere attuali e possono legittimamente essere modificate. Inoltre, è principio ormai affermato in giurisprudenza quello dell'indipendenza del giudicato civile rispetto all'ecclesiastico. Infatti, “il capo della sentenza che regola i rapporti patrimoniali fra gli ex coniugi non potrà essere messo in discussione dalla sopravvenuta delibazione della sentenza ecclesiastica di nullità del matrimonio e, in particolare, la delibazione non potrà essere fatta valere come causa sopravvenuta di modifica delle statuizioni di carattere patrimoniale della sentenza di divorzio”.

(20/09/2013 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Addio definitivo alla Siae
» Processo civile: nessun obbligo di depositare in appello il fascicolo di primo grado
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Avvocati: ecco come effettuare il cumulo per andare in pensione prima
» Arriva lo stop per legge alle bollette a 28 giorni
In evidenza oggi
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Addio definitivo alla SiaeAddio definitivo alla Siae
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF