Sei in: Home » Articoli

La notifica è valida se il consegnatario ha rapporti con il destinatario

notifica
di Luigi Del Giudice - Per la validità della notificazione è sufficiente che esista una relazione tra consegnatario e destinatario idonea a far presumere che il primo porti a conoscenza del secondo l'atto ricevuto.
E' quanto precisato dalla Cassazione con sentenza 1° agosto 2013, n. 18492, la quale richiamando una precedente sentenza della stessa suprema Corte chiarisce che in caso di notificazione effettuata a norma dell'art. 139, comma secondo, cod. proc. civ.,( “Se il destinatario non viene trovato in uno di tali luoghi, l'ufficiale giudiziario consegna copia dell'atto a una persona di famiglia o addetta alla casa, all'ufficio o all'azienda, purché non minore di quattordici anni o non palesemente incapace”)con consegna dell'atto a persona qualificatasi (secondo le dichiarazioni rese all'ufficiale giudiziario e dal medesimo riportate nella relata di notificazione) quale dipendente del destinatario o addetta all'azienda, all'ufficio o allo studio del medesimo, l'intrinseca veridicità di tali dichiarazioni e la validità della notificazione non possono essere contestate sulla base del solo difetto di un rapporto di lavoro subordinato tra i predetti soggetti, essendo sufficiente che esista una relazione tra consegnatario e destinatario idonea a far presumere che il primo porti a conoscenza del secondo l'atto ricevuto.
Conseguentemente tali presunzioni non possono essere superate dalla circostanza, provata a posteriori, che la persona che aveva sottoscritto l'avviso di ricevimento lavorava, sia pure nella predetta sede, alle dipendenze esclusive di altro soggetto, se non accompagnata dalla prova che il medesimo consegnatario non era addetto nei medesimi locali ad alcun incarico per conto o nell'interesse del destinatario.
Luigi Del Giudice
www.polizialocaleweb.com
(17/08/2013 - Luigi Del Giudice)
In evidenza oggi:
» Cassazione: non punibile chi va a spasso con un coltello in auto
» Divorzio: dopo quanto tempo si può chiedere?
» Riforma penale: ok al principio di riserva di codice
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?
» Assegni familiari e di maternità: i nuovi importi 2018


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss