Sei in: Home » Articoli

Commissione Tributaria di Caserta: Ipotesi di impugnabilità dell'estratto di ruolo

giudice sentenza martello cassazione
La Commissione Tributaria Provinciale di Caserta (sentenza 369/2013), ha dichiarato ammissibile l'impugnazione dell'estratto di ruolo nel caso in cui il ruolo stesso riguardi imposte ormai prescritte dal passare degli anni. 
Nel caso specifico, un contribuente aveva presentato ricorso nei confronti dell'estratto di ruolo in cui erano riportate cartelle, per oltre 4mila euro, in relazione a sanzioni Iva, Tarsu e tasse auto riguardanti anni tra il 1986 e il 1998. 

Venuto a conoscenza della pretesa solo nel 2012, nell'ambito di una verifica effettuata presso Equitalia, ha eccepito che i tributi erano ormai prescritti, sia per la prescrizione quinquennale che decennale. Pertanto le notifiche delle cartelle erano state contestate, così come gli interessi di mora. Mentre per Equitalia non si era costituito nessuno, l'Agenzia delle Entrate aveva sostenuto che il ricorso fosse inammissibile in quanto proposto contro un atto non impugnabile e che il ricorso stesso dovesse essere rigettato. 

La commissione nella sentenza fa notare che sebbene l'estratto di ruolo non possa essere oggetto di autonoma impugnazione e deve essere impugnato unitamente all'atto impositivo che viene notificato di regola con la cartella, nel caso di specie il ricorso è stato proposto "sull'asserita illegittimità delle cartelle esattoriali che nell'estratto di ruolo vengono indicate come notificate, di talché appare di tutta evidenza che nessun ostacolo può frapporsi al ricorso avverso le cartelle esattoriali menzionate nel ruolo essendo la cartella atto certamente impugnabile".

La Commissione spiega inoltre che se con l'estratto di ruolo il contribuente viene a conoscenza per la prima volta di atti positivi in suo danno, non si vede perché debba essere negata una qualsivoglia possibilità di impugnare tali atti impositivi negando tutela giurisdizionale in attesa di altri momenti cautelari ovvero espropriativi.
Per maggiori dettagli si rimanda al testo della sentenza e si ringrazia l'Avv. Luigi de Pascale per averci segnalato il provvedimento e fornito il testointegrale.
(23/07/2013 - A.V.)
Le più lette:
» L'accollo
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Separazioni e divorzi davanti al sindaco
» Rapporto di lavoro: le dimissioni
In evidenza oggi
Responsabilità medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilità medica: la prova del danno spetta al paziente
Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figliRischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF