Sei in: Home » Articoli

Decurtazione punti patente: il proprietario del veicolo ha il dovere di comunicare i dati del conducente

patente id13818
di Luigi Del Giudice - Avverso il verbale della Polizia stradale con cui gli era stata contestata la violazione dell'art. 126-bis del codice della strada per non avere fornito i dati personali e della patente da guida del conducente del veicolo di sua proprietÓ, al momento del rilevamento dell'infrazione per eccesso di velocitÓ, il ricorrente/ proprietario del veicolo presentava dapprima ricorso al Giudice di Pace, successivamente appello al Tribunale, ed infine ricorso in Cassazione, ottenendo in ogni sede il rigetto delle sue richieste.
In particolare il ricorrente riteneva giustificata la non conoscenza, da parte sua, dei dati del conducente, essendosi di fronte ad un caso di auto di famiglia guidata da parenti stretti del proprietario e non essendo predicabile un dovere di conoscenza in capo all'intestatario al PRA lÓ dove ci si trovi in presenza di un libero utilizzo della macchina dell'ambito familiare.
In merito a quanto sopra la Cassazione ribadisce con l'ordinanza n. 16895 dell'8 Luglio 2013 il principio secondo cui il proprietario del veicolo Ŕ tenuto a conoscere l'identitÓ dei soggetti ai quali ne affida la conduzione, onde dell'eventuale incapacitÓ di identificare detti soggetti necessariamente risponde a titolo di colpa per negligente osservanza del dovere di vigilare sull'affidamento in modo da essere in grado di adempiere al dovere di comunicare l'identitÓ del conducente (Cass., Sez. II, 3 giugno 2009, n. 12842).
Luigi Del Giudice
www.polizialocaleweb.com
(10/07/2013 - Luigi Del Giudice)
Le pi¨ lette:
» Il modello per la comparsa conclusionale
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilitÓ
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Regime probatorio: cosa cambia con la legge concorrenza
In evidenza oggi
Cassazione: niente usura sopravvenutaCassazione: niente usura sopravvenuta
Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino pu˛ dormire dal padre solo ogni tantoAffido condiviso: fino a 3 anni il bambino pu˛ dormire dal padre solo ogni tanto
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF