Sei in: Home » Articoli

Cassazione: riflessioni sul principio della perpetuatio dell'ufficio del difensore

sentenza bilancia

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione sesta, ordinanza n. 14764 del 12 Giugno 2013.Il principio della perpetuatio dell'ufficio del difensore è contenuto all'art. 85 del cod. proc. civ. (revoca e rinuncia alla procura). Esso subordina l'effetto della revoca o della rinuncia alla procura nei confronti della controparte processuale all'effettiva intervenuta sostituzione del difensore. La Suprema Corte ha modo di pronunciarsi circa l'operatività di questo principio nell'ambito di un ricorso promosso in tema di ammissione al passivo di società sottoposta a fallimento.

La richiesta, avanzata a mezzo fax personalmente dalla parte, legale rappresentante della società in liquidazione, di rinvio d'udienza per provvedere alla nomina di un nuovo difensore viene rigettata. Conferma infatti la Corte che “vige nel nostro ordinamento il principio della perpetuatio dell'ufficio del difensore (…) con la conseguenza che la sopravvenuta rinuncia al mandato del difensore di una delle parti non spiega alcun effetto nel  processo e non costituisce legittimo motivo di rinvio della trattazione della causa, tanto più nel giudizio di cassazione, caratterizzato da uno svolgimento per impulso di ufficio”.

Vai al testo dell'ordinanza 14764/2013
(23/06/2013 - Avv.Licia Albertazzi)
In evidenza oggi:
» Biotestamento: è legge
» Addio animali nei circhi: entro un anno le norme
» A che età si può andare in pensione: guida con tabelle semplificative
» Spese straordinarie per i figli: il vademecum
» Pignoramento del Tfr: cos'è e limiti


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF