Sei in: Home » Articoli

Cassazione: assegno di divorzio a carico dell'eredità e vizio giudiziale di ultrapetizione

coppia divorzio

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione prima, sentenza n. 14195 del 6 giugno 2013. Nel caso di specie l'ex marito, a seguito di passaggio in giudicato della sentenza non definitiva di divorzio, muore in pendenza di giudizio di primo grado vertente circa il diritto all'assegno di mantenimento. La causa viene riassunta dall'ex moglie nei confronti degli eredi dell'ex coniuge, i figli e la seconda moglie. La domanda di assegno di divorzio posto a carico dell'eredità è stata accolta in primo grado e confermata anche nel secondo.

Avverso tale statuizione ha promosso ricorso per Cassazione la seconda moglie del defunto, affermando che la domanda di assegno a carico dell'eredità non sarebbe mai stata formulata in fase di riassunzione, essendo incorso il giudice di merito in vizio di ultrapetizione;  l'ex moglie avrebbe in effetti agito per l'ottenimento dell'assegno nei soli confronti dell'ex marito, deceduto in corso di causa. In ogni caso, l'onere di versamento dell'assegno di divorzio non sarebbe trasmissibile agli eredi. “Soltanto una palese forzatura consentirebbe di attribuire al riferimento all'avvenuto decesso del sig. (…) e alla formulazione della domanda nei confronti delle eredi del medesimo (…) il significato di introduzione in giudizio di una pretesa di assegno a carico dell'eredità”.

 

La Suprema Corte riscontra sufficienti elementi per procedere alla decisione nel merito. Accoglie il ricorso ed assegna all'ex moglie un assegno divorzile il cui importo deve essere calcolato “con decorrenza dalla data del passaggio in giudicato della sentenza di cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario alla data della morte dell'obbligato”.

Vai al testo della sentenza 14195/2013
(14/06/2013 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
In evidenza oggi
Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderireAssicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF