Sei in: Home » Articoli

Antitrust, Parere: no alle proposte di legge in materia di insegnamento sportivo

L'Autorità garante della concorrenza e del mercato ha esaminato diverse proposte di legge pendenti sia al Senato che alla Camera nella materia in oggetto, rilevando limitazioni alla concorrenza. In particolare, l'Antitrust si è soffermata sulle norme che prescrivono misure tese a regolare l'accesso all'attività di insegnamento prevedendo la creazione di albi ed elenchi nazionali e regionali, a volte articolati per categorie di specialità, ai quali gli operatori devono iscriversi per poter esercitare; che prevedono l'applicazione dell'articolo 348 del codice penale per il caso in cui si eserciti senza essere iscritti all'albo l'attività riservata agli iscritti; e che determinano, in via indiretta, una fissazione delle tariffe degli operatori. Secondo l'Antitrust, tra l'altro, il diritto alla salute e all'incolumità fisica dei praticanti appare adeguatamente tutelabile attraverso diverse soluzioni normative rispetto alla normativa nazionale che si vorrebbe introdurre, quali quelle che sono state adottate in alcuni provvedimenti regionali che prevedono un controllo esercitato in sede di autorizzazione e di vigilanza sulle strutture nelle quali si pratica attività fisica, prescrivendo misure puntuali di tutela, la cui attuazione è, in genere, demandata a regolamenti e norme particolareggiate.
Prescrizioni in tal senso, ad esempio, dispongono la conformità delle strutture a parametri di carattere igienico-sanitario, e impongono, talvolta, la presenza di un medico in qualità di responsabile sanitario presso gli impianti sportivi. L'Autorità ha quindi suggerito ai parlamentari di offrire una cornice omogenea alla regolamentazione che va delineandosi attraverso la legislazione regionale concorrente, in modo da consentire alle imprese e agli operatori professionali di esercitare la propria attività in qualsiasi Regione, senza dovere sopportare i costi informativi e organizzativi che derivano dalla necessità di conformarsi a normative diverse. (Autorità garante per la concorrenza ed il mercato, Segnalazione 6 novembre 2003 Regolamentazione dell'attività di insegnamento nel settore dello sport).
Leggi il testo del provvedimento su www.filodiritto.com
(30/11/2003 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilità
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Arriva la dichiarazione Iva precompilata e l'obbligo della fattura elettronica tra privati
» Il concorso di colpa nel processo penale
In evidenza oggi
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Paga i danni a madre e figlio il padre che ostacola i rapporti tra i duePaga i danni a madre e figlio il padre che ostacola i rapporti tra i due
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF