Sei in: Home » Articoli

Cassazione: l'eccezione di accettazione con beneficio d'inventario è sollevabile d'ufficio

notaio business id10262

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile a Sezioni Unite, sentenza n. 10531 del 7 Maggio 2013. In materia di successioni, l'accettazione con beneficio d'inventario (art. 484 codice civile) è quell'istituto giuridico a disposizione dell'erede che intende sì accettare i beni compresi nella massa ereditaria, ma rispondendo per i debiti contratti dal de cuius utilizzando la massa ereditaria e non i beni facenti parte del proprio patrimonio personale. Attraverso l'attivazione del beneficio d'inventario patrimonio del defunto e quello dell'erede restano cioè l'uno distinto dall'altro, non intervenendo confusione tra i rispettivi beni. Con l'istanza per la redazione dell'inventario l'erede viene a conoscenza della consistenza del patrimonio ereditato.

 

Dal punto di vista processuale, se sollevato in corso di giudizio, nel tempo la giurisprudenza è stata orientata nel qualificare tale eccezione come ordinaria.

La Suprema Corte tuttavia ha evidenziato come le pronunce nel tempo si siano modificate, sino a conformarsi nell'attribuire alla questione in oggetto natura di eccezione sollevabile d'ufficio. La funzione delle eccezioni sarebbe infatti quella di “servire all'attuazione di diritti esistenti e non alla creazione di diritti nuovi”. Come tale, se già documentata in atti, può essere invocata dalla parte in ogni stato e grado del processo. Nel caso di specie, la parte ha sollevato tale eccezione in grado d'appello, ed è stata correttamente rilevata dal giudice, non ricadendo la stessa nel divieto di proposizione di nuove domande ed eccezioni così come statuito dall'art. 345 cod. civ.

(12/05/2013 - Avv.Licia Albertazzi)
In evidenza oggi:
» Mancato mantenimento figli: reato anche se non c'è stato di bisogno
» Salvini: presto censimento o anagrafe dei Rom
» Assegno di invalidità: l'accertamento dei requisiti per il riconoscimento
» Il Ctu deve essere pagato da tutti
» Arriva il decreto dignità


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss