Sei in: Home » Articoli

Cassazione: omesso versamento di ritenute previdenziali e punibilitÓ

sentenza martello
"In tema di omesso versamento di ritenute previdenziali e assistenziali, nel caso non risulti certa la contestazione o la notifica dell'avvenuto accertamento delle violazioni, il termine di tre mesi concesso al datore di lavoro per provvedere al versamento dovuto - rendendo operante la causa di non punibilitÓ prevista dall'art. 2 comma 1-bis della legge 11 novembre 1983 n. 638, come modificato dal D.Lgs. n. 211 del 1994 - decorre dalla notifica del decreto di citazione per il giudizio (o eventualmente dalla notifica dell'avviso ex art. 415 bis c.p.p.).
Con la notifica del decreto dý citazione o dell'avviso ex art. 415 bis c.p.p., invero, l'interessato ha avuto sicura conoscenza dell'accertamento previdenziale svolto nei suoi confronti ed Ŕ posto in grado di sanare le contestate violazioni".

E' quanto ricordato dalla Corte di Cassazione che, con sentenza n. 15632 depositata il 4 aprile 2013, ha annullato, con rinvio, la sentenza di condanna per omesso versamento di ritenute previdenziali e assistenziali emessa dai giudici di merito nei confronti di un amministratore di condominio a cui era stato notificato decreto di citazione a giudizio ma non l'avviso di pagamento da parte dell'Inps.

La Suprema Corte ha precisato, richiamando la sentenza delle Sezioni Unite n. 1855 del 24.11.2011, che nell'ipotesi "in cui l'esercizio dell'azione penale sia avvenuto prima che l'imputato sia stato messo in condizione di fruire della causa di non punibilitÓ o per l'omessa contestazione e notificazione dell'accertamento delle violazioni o per irregolaritÓ della notificazione dell'accertamento" il giudice di merito deve verificare "se l'imputato sia stato raggiunto in sede giudiziaria da un atto di contenuto equipollente all'avviso dell'ente previdenziale che gli abbia consentito, sul piano sostanziale, di esercitare la facoltÓ concessagli dalla legge".

Secondo le Sez.Un. - proseguono i giudici di legittimitÓ - il decreto di citazione a giudizio Ŕ equivalente alla notifica dell'avviso di accertamento solo se, al pari di qualsiasi altro atto processuale Indirizzato all'Imputato, contenga gli elementi essenziali del predetto avviso (individuati nell'indicazione del periodo di omesso versamento e dell'importo, della sede dell'ente presso cui effettuare li versamento entro il termine di tre mesi concesso dalla legge, e nell'avviso che il pagamento consente di fruire della causa di non punibilitÓ).

La Corte territoriale, senza effettuare la verifica sopra evidenziata, si Ŕ limitata ad osservare che l'imputato, con la notifica del decreto di citazione, aveva avuto piena conoscenza del contenuto dell'avviso dell'INPS; la sentenza impugnata va dunque annullata con rinvio per nuovo esame alla luce dei principi e del rilievi enunciati dalla Suprema Corte.
(09/04/2013 - L.S.)
Le pi¨ lette:
» Addio definitivo alla Siae
» Processo civile: nessun obbligo di depositare in appello il fascicolo di primo grado
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Avvocati: ecco come effettuare il cumulo per andare in pensione prima
» Arriva lo stop per legge alle bollette a 28 giorni
In evidenza oggi
ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Addio definitivo alla SiaeAddio definitivo alla Siae
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF