Sei in: Home » Articoli

Cassazione: possibilità di pignoramento di bene ereditario indiviso

euro
di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sentenza n. 6809 del 19 Marzo 2013
Nel caso di specie il debitore, cointestatario con i suoi due fratelli, tra gli altri beni della massa ereditaria, di un conto corrente con saldo attivo appartenuto al padre defunto, ha proposto opposizione avverso il pignoramento eseguito da Equitalia proprio su questo conto corrente. Il giudice dell'esecuzione aveva infatti provveduto ad assegnare un terzo dei beni facenti parte della massa ereditaria al creditore procedente e il debitore coerede si è opposto a tale provvedimento eccependo l'indivisibilità, rispetto all'intera massa, del bene oggetto di esecuzione. Resisteva Equitalia rilevando come fosse invece applicabile il disposto di cui all'art. 599 c.p.c. in base al quale sarebbe pignorabile anche un bene indiviso con più comproprietari, anche se non tutti risultano rivestire qualità di debitori.

La Suprema Corte è intervenuta per ricordare che il principio generale vigente è che non è possibile procedere al pignoramento del bene indiviso se questo fa parte della massa ereditaria composta da altre cose se non alle seguenti condizioni: l'espropriazione forzata dell'intera quota del comproprietario di beni indivisi deve essere limitata ad una singola specie di questi; che, una volta iniziata l'esecuzione, il giudice disponga o la separazione dei beni ove possibile o la divisione delle quote o ancora la vendita della quota indivisa; che in ogni caso non è possibile procedere ad esecuzione forzata nel caso in cui il bene indiviso faccia parte di una massa di beni di identica specie: questo poiché al debitore potrebbe essere in un secondo momento assegnato un altro bene facente parte della medesima massa.

Quest'ultima l'eventualità verificatisi proprio nel caso in oggetto.
(01/04/2013 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF