Sei in: Home » Articoli

L'attività professionale del praticante

La Corte di Giustizia UE (Sent. del 13 novembre, caso Morgenbesser) ha precisato che la pratica forense, anche se non costituisce una professione regolamentata, rappresenta un'attività professionale di natura dipendente o autonoma, retribuita dallo studio o direttamente dal cliente, soggetta rispettivamente all'articolo 39 (libera circolazione dei lavoratori dipendenti) o 43 (libera circolazione dei lavoratori autonomi) del Trattato Ce. Secondo questo orientamento, pertanto, la pratica professionale, qualora sia remunerata, non costituisce più solo un periodo complementare di formazione per accedere alla professione di avvocato, ma un'attività professionale autonoma.
(26/11/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Avvocati: entro il 31 ottobre contributi alla CassaAvvocati: entro il 31 ottobre contributi alla Cassa
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF