Sei in: Home » Articoli

Cassazione: l'impignorabilitą relativa non esclude l'espropriazione presso terzi

giudice sentenza martello
di Licia Albertazzi- Corte di Cassazione Civile, sezione terza, sentenza n.6552 del 14 Marzo 2013
In materia di esecuzione forzata, all'art. 545 c.p.c. il nostro ordinamento prevede alcuni casi di esclusione della pignorabilitą: si tratta di situazioni aventi ad oggetto determinati beni che, per le loro caratteristiche intrinseche, sono tutelati dalla legge e non sottoponibili a pignoramento. In generale le ipotesi contemplate riguardano beni e utilitą destinate al sostentamento primario della persona (crediti alimentari, sussidi ceduti per particolari esigenze economiche) nonchč tutti quelle cose la cui funzione sia di consentire l'espletamento di un pubblico servizio. Questi beni, la cui funzione essenziale rappresenta un interesse superiore rispetto al diritto del creditore (anche se giudizialmente accertato) sono sottoposti al regime dell'impignorabilitą relativa.

Nella sentenza in oggetto - riguardante alcuni beni di proprietą comunale - la Suprema Corte statuisce tuttavia come la circostanza che essi siano impignorabili non escluda a priori la possibilitą di procedere a procedura di espropriazione dei suddetti beni presso terzi: fine ultimo di questo istituto risiede infatti nel preservare il patrimonio protetto (nel caso in oggetto, patrimonio pubblico) per garantirne la destinazione originaria (finalitą pubblicistiche). Dati questi presupposti, questo rimedio č sicuramente ammesso, poichč esso č volto proprio a riportare i beni alla iniziale disponibilitą giuridica e di fatto.
Vai al testo della sentenza 6552/2013
(22/03/2013 - Avv.Licia Albertazzi)
In evidenza oggi:
» L'archiviazione del giudizio
» La ricerca telematica dei beni del debitore
» Assicurazioni: al via la risoluzione stragiudiziale delle liti


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss