Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Cassazione: contratti dei consumatori e clausola di recesso

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 14762/2003) ha stabilito che nei contratti conclusi con i consumatori, fuori dai locali commerciali, la clausola che disciplina il diritto di recesso non può essere scritta in piccolo ma deve essere ben evidenziata. I Giudici di Piazza Cavour, partendo dal presupposto che la clausola di recesso deve restare separata dalle altre clausole, per renderla più chiara, trasparente e immediata, hanno precisato che non è "ammissibile che la clausola sia inserita in un contesto uniforme di clausole di apparente pari rilevanza, ed inserite secondo una sequenza numerata" e che, in relazione all'evidenza grafica della informazione "questa deve avere caratteri grafici eguali o superiori a quelli degli altri elementi indicati nel documento".
(21/11/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Il genitore non può imporre al figlio la sua religione
» Stalking: arriva l'app per raccogliere le prove
» Privacy: da oggi in vigore il Gdpr, ecco la guida per gli avvocati
» Costi occulti nella telefonia mobile: come difendersi?
» Risarcimento vedova: la pensione di reversibilità non si tocca


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss