Sei in: Home » Articoli

Cassazione: chiarimenti in materia di opposizione all'esecuzione forzata da parte del comproprietario

casa id10860
di Licia Albertazzi - Cassazione Civile, sezione terza, sentenza n. 5384 del 5 Marzo 2013 In tema di esecuzione forzata per il rilascio di un immobile la legge detta determinate regole che scandiscono ogni singola fase del procedimento. In particolare, l'art. 608 del codice di procedura civile, affida all'ufficiale giudiziario il compito rituale di notificare sia l'avviso di esecuzione forzata che l'azione di immissione nel possesso del bene a favore del creditore agente. La procedura tuttavia subisce determinate variazioni nel caso in cui l'immobile non appartenga soltanto al debitore esecutato ma anche ad un altro soggetto comproprietario: nel caso di specie, il debitore è proprietario dell'immobile oggetto di esecuzione forzata solo per il 50%.

Recita infatti il secondo comma dell'art. 608 codice procedura civile che “l'ufficiale giudiziario, munito del titolo esecutivo e del precetto, si reca sul luogo dell'esecuzione e (...) immette la parte istante o una persona da lei designata nel possesso dell'immobile, del quale le consegna le chiavi, ingiungendo agli eventuali detentori di riconoscere il nuovo possessore”. Affinchè l'espropriazione sia valida anche nei confronti dei terzi detentori dell'immobile occorre perciò che il codetentore riconosca il creditore compossessore.

Diversamente, come nel caso in oggetto - ove il legittimo detentore è il comproprietario al 50% - il comproprietario può giustamente proporre opposizione al creditore che proceda all'esecuzione forzata dell'immobile per l'intera quota
Vai al testo della sentenza 5384/2013
(17/03/2013 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Preavviso di licenziamento e dimissioni: durata, conseguenze e fac-simile
» Curriculum vitae: guida alla redazione con fac-simile
» Processo civile telematico: attenzione a come si deposita la sentenza impugnata in Cassazione!
» Equo compenso per tutti: avvocati e professionisti
In evidenza oggi
Udienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimoUdienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimo
Addio riparazione per lo stalkingAddio riparazione per lo stalking

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF