Sei in: Home » Articoli

Responsaabilità medica: danno da lesione della 'cenestesi lavorativa'

medici operazione medico
Con la sentenza n.19767/2012 la Cassazione ha chiarito che il paziente che ha subito un intervento chirurgico sbagliato, non ha diritto al risarcimento del danno da lesione della "cenestesi lavorativa" (ossia al danno che deriva dalla maggiore usura, fatica e difficoltà incontrate nello svolgimento di un'attività lavorativa pur senza una diminuzione della capacità reddituale) se non da la prova del fatto che la mancanza dell'organo erroneamente asportato abbia di fatto comportato un'eccessiva fatica e difficoltà nello svolgimento del lavoro.

In sostanza, spiega la Corte, chi intende richiedere questo tipo di danno deve fornire una prova concreta delle maggiori usura, fatica e difficoltà nello svolgimento del lavoro una volta ripreso.

Nel caso preso in esame dalla Corte si è ritenuto che nella fattispecie un semplice danno estetico all'addome e una malattia psichica con un'invalidità del 10% non possano aver reso più usurante la gestione di un negozio di capi di abbigliamento.

Corretta dunque la decisione della Corte d'appello di Palermo che nel liquidare i danni alla parte danneggiata ha ritenuto di escludere il danno da "cenestesi lavorativa".

Proprio con riferimento alla mancata liquidazione del danno della cenestesi lavorativa la Corte evidenzia che non risulta siano state provate "le maggiori usura, fatica e difficoltà nello svolgimento del lavoro", una volta ripreso.

In ogni caso, spiega la Corte, "si tratta di valutazione di puro fatto non sindacabile in sede di giudizio di legittimità".
Vai al testo della sentenza 17967/2012
(19/12/2012 - Alba Mancini)
Le più lette:
» Addio definitivo alla Siae
» Processo civile: nessun obbligo di depositare in appello il fascicolo di primo grado
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Avvocati: ecco come effettuare il cumulo per andare in pensione prima
» Arriva lo stop per legge alle bollette a 28 giorni
In evidenza oggi
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Addio definitivo alla SiaeAddio definitivo alla Siae
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF