Sei in: Home » Articoli
 » scuola

Cassazione: non sono responsabili i genitori se figli rifiutano categoricamente di andare a scuola

scuola studentesse ft id11673
L'art. 731 c.p. sanziona chi omette, senza giusto motivo, di impartire al minore o di fargli impartire l'istruzione elementare. La norma punisce anche l'inosservanza dell'obbligo scolastico post-elementare, avendo l'art. 8 della L. 31 dicembre 1962, n. 1859 esteso l'obbligo all'istruzione di scuola media.

Sulla base di tali premesse, la Corte di Cassazione, con sentenza n. 47110 del 5 dicembre 2012, ha ricordato, come da costante giurisprudenza, che "pu˛ essere esclusa la responsabilitÓ degli obbligati solo quando emergano elementi che rendano inattuabile l'adempimento dell'obbligo dell'istruzione, quali: la mancanza assoluta di scuole o insegnanti; lo stato di salute dell'alunno; la disagiata distanza tra scuola ed abitazione se mancano mezzi di trasporto e le condizioni economiche dell'obbligato non consentano l'utilizzo di mezzi privati; il rifiuto volontario, categorico e assoluto del minore non superabile con l'intervento dei genitori e dei servizi sociali."

Nel caso di specie, il Giudice di pace aveva assolto dal reato di cui all'art. 731 c.p. due genitori (perchŔ quali esercenti la potestÓ sui figli minori omettevano senza giustificato motivo di far loro impartire l'istruzione elementare nell'anno scolastico 2009/2010) per non aver commesso il fatto ritenendo, "sulla base della comunicazione del Dirigente Scolastico, che pur risultando svariate assenze dalle lezioni, i minori avevano opposto, nonostante l'impegno dei genitori, il rifiuto di recarsi costantemente a scuola."

La Suprema Corte in realtÓ ha annullato con rinvio la sentenza del giudice di pace, precisando che, senza alcun esame delle risultanze processuali, il giudice di merito si Ŕ limitato genericamente a far riferimento alla comunicazione del Dirigente Scolastico dalla quale ha ritenuto emergesse che, nonostante l'impegno profuso dai genitori, i minori avevano rifiutato di frequentare la scuola dell'obbligo. Lo stesso giudice non ha per˛ specificato da quali elementi abbia tratto la prova del rifiuto dei minori e quale sia stato e in che modo si sia manifestato l'impegno dei genitori per superare tale rifiuto.
(09/12/2012 - L.S.)
In evidenza oggi:
» Negoziazione assistita: niente contributo unificato
» Anche l'avvocato negligente va pagato
» Avvocati: assicurazione professionale anche per i praticanti
» Conto corrente gratis in vigore
» Usura: le Sezioni Unite sulla commissione di massimo scoperto


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss