Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: vanno poste a carico del condominio le spese per sistemare infiltrazioni d'acqua dovute a difetto di costruzione

locazioni condominio locazione appartamento
Le spese per sistemare infiltrazioni d'acqua provocate da vizi di costruzione sono comunque a carico del condominio.

Lo afferma la Corte di Cassazione con la sentenza n. 17268 del 10 ottobre 2012, in cui si afferma che a pagare le spese di ripristino Ŕ il condominio, anche se Ŕ chiaro che le infiltrazioni d'acqua nella cantina di uno dei proprietari esclusivi Ŕ collegata in origine a un vizio di costruzione e dunque ascrivibile anche all'originaria impresa venditrice.

Come spiega la Corte questo Ŕ ammissibile quando le azioni disponibili verso il costruttore venditore risultano ormai prescritte e non ci sono prove di un'autonoma responsabilitÓ del direttore dei lavori, mentre per il condominio sussiste la responsabilitÓ da custodia per non aver eliminato in modo tempestivo le caratteristiche lesive insite nella cosa propria, come la precaria situazione della muratura perimetrale adiacente il giardino condominiale e dei pozzetti.

Insomma, confermando la responsabilitÓ ex articolo 2051 Cc, il condominio dovrÓ eseguire tutte le opere di ripristino descritte dalla ctu, nonostante il condominio risulti successore a titolo particolare del costruttore-venditore.
Vai al testo della sentenza 17268/2012
(10/11/2012 - Alba Mancini)
Le pi¨ lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Preavviso di licenziamento e dimissioni: durata, conseguenze e fac-simile
» Curriculum vitae: guida alla redazione con fac-simile
» Processo civile telematico: attenzione a come si deposita la sentenza impugnata in Cassazione!
» Equo compenso per tutti: avvocati e professionisti
In evidenza oggi
Udienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio Ŕ illegittimoUdienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio Ŕ illegittimo
Addio riparazione per lo stalkingAddio riparazione per lo stalking

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF