crisi fallimento grafico default soldi
Certificata nel suo fallimento qualche giorno fa dalla Corte dei Conti, ente realmente ...tecnico, la manovra classista dell'Agenda Monti fa acqua da tutte le parti; l'emersione continua di correlate problematiche economico-sociali costituisce un chiaro indice degli effetti controproducenti dell'ottuso rigore attuato da una compagine governativa che ricorda le famigerate brioches di Maria Antonietta d'Asburgo-Lorena che il popolo francese affamato avrebbe dovuto mangiare in sostituzione del pane che non poteva acquistare. Sui ceti più fragili viene caricato il peso di riforme di segno ultraliberista e conservatore. Il distacco del Governo Monti dalla realtà che si vive oggi nel nostro Paese rende di grande impatto emotivo la lettera aperta che è giunta alla redazione di Studio Cataldi da un nostro affezionato lettore, cui lascio la parola. E' rivolta al Ministro dell'Economia e delle Finanze Vittorio Grilli e contiene un'idea interessante perchè effettivamente oggi il costo della casa impegna per le famiglie la maggior parte delle entrate e resta poco per altri consumi.

Egregio sig. Ministro,
sono un insegnante quarantenne di ruolo che, come molti, tutti direi, fa fatica ad arrivare non tanto a fine mese, quanto ormai alla seconda di settimana... Sono sposato, ho una figlia di sei anni e un mutuo trentennale sulle spalle che faccio fatica a pagare, oltre ad altri finanziamenti accesi negli anni per far fronte alla quotidianità. Nella mia famiglia lavoro solamente io e le assicuro che non è facile immaginare un futuro con uno stipendio di 1.600 euro su cui gravano gli impegni di cui sopra.
Nonostante questo non sono qui a chiedere aiuti ma a proporre uno strumento di accesso al credito che consentirebbe a me e presumo a molte altre famiglie di ristrutturare i propri debiti e vivere più serenamente. La proposta: LA CESSIONE PER TRENT'ANNI DI DUE QUINTI DELLO STIPENDIO! Proprio così: la possibilità per chi accende un mutuo ipotecario di cedere I DUE QUINTI dello stipendio mensile per trent'anni e non solo per dieci come la legge consente oggi. Questo permetterebbe a molti, soprattutto a chi è dipendente statale (con le retribuzioni ferme da dieci anni ….), di poter accedere a quel credito che le banche negano per mancanza di garanzie, a tassi sicuramente vantaggiosi. Che ne pensa? Confido in una sua risposta.
Altri articoli di Paolo Storani | Law In Action | Diritti e Parole | MEDIAevo | Posta e risposta
Condividi
Feedback


Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
In evidenza oggi: