Sei in: Home » Articoli

Certificazione crediti: in funzione piattaforma elettronica

soldi euro crisi
Il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha comunicato la messa in funzione della piattaforma per la certificazione telematica dei crediti, in armonia con quanto previsto dai decreti ministeriali del 22 maggio 2012 e del 25 giugno 2012.

La piattaforma andrà a sostituire quanto veniva fatto in forma ordinaria, utilizzando appositi moduli su carta. Con il nuovo sistema, sarà più agevole richiedere e rilasciare le certificazione, e saranno semplificate le varie procedure di cessione, anticipazione e compensazione dei crediti certificati.

Le amministrazioni statali, gli enti pubblici nazionali, le regioni e le province autonome, gli enti locali e gli enti del Servizio Sanitario Nazionale dovranno richiedere l'abilitazione sul sistema entro 30 giorni dalla data della comunicazione.

Alla scadenza del suddetto termine, i titolari di crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, scaturenti da contratti aventi ad oggetto somministrazioni, forniture ed appalti nei confronti di una P.A., potranno anch'essi abilitarsi sulla piattaforma e presentare, avvalendosi del modello generato dal sistema, istanza di certificazione del credito all'amministrazione o ente debitore.

L'indirizzo per accedere alla piattaforma è il seguente: http://certificazionecrediti.mef.gov.it/CertificazioneCredito/home.xhtml

Per informazioni o per segnalare problemi tecnici è stato messo a disposizione un servizio di assistenza all'indirizzo certificazionecrediti@tesoro.it.
(20/10/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Il modello per la comparsa conclusionale
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilità
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Regime probatorio: cosa cambia con la legge concorrenza
In evidenza oggi
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tantoAffido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF