Sei in: Home » Articoli

Cassazione: legittimo il licenziamento per giustificato motivo soggettivo senza preventiva sospensione dal lavoro

industria lavoro licenziamento
La Corte di cassazione, con sentenza 25 settembre 2012, n. 16238, respinge il ricorso di un dipendente di Banca licenziato per giusta causa. Il dipendente lamentava di essere stato oggetto di mobbing in quanto impiegato in condizioni di serie difficoltà gestionale e di essere stato mortificato professionalmente. Aveva inoltre eccepito di aver subito un licenziamento per giusta causa illegittimo sia formalmente che nel merito per un suo preteso coinvolgimento nella vendita di alcuni orologi da parte di un cliente della Banca e che il recesso che non era stato neppure preceduto, nonostante la gravità degli addebiti, dalla sospensione cautelare dal servizio. Inoltre affermava che il licenziamento era stato intimato con notevole ritardo rispetto alla scoperta della situazione in essere con il cliente, essendo la tempestività un requisito per qualsiasi tipo di licenziamento e senza la quale non può esserci giusta causa. Chiedeva l'annullamento del disposto licenziamento e la condanna per perdita di opportunità professionali e per danno biologico, alla vita di relazione, all'immagine e ulteriori danni "esistenziali" nella misura indicata al ricorso. Già il Tribunale aveva convertito il licenziamento intimato in recesso per giustificato motivo soggettivo e quindi gli riconosceva la sola indennità sostitutiva del preavviso. Punto saldo è che i fatti contestati al dipendente e comprovati in giudizio erano tali da giustificare un recesso per giusta causa: era emerso che egli aveva finanziato attraverso operazioni con causali non veritiere il cliente e che aveva partecipato ad un traffico di orologi con gli altri clienti della Banca, anche se non era stato quantizzato il suo tornaconto. La Cassazione afferma che non si può neanche parlare di tardività nell'intimazione del recesso in quanto il datore di lavoro doveva accertare una complessa situazione commerciale e l'effettiva entità delle violazioni contrattuali poste in essere. Per questi motivi il ricorso viene rigettato.
(28/09/2012 - L.S.)
In evidenza oggi:
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Avvocati matrimonialisti, boom di matrimoni tra over70 e badanti
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss