Sei in: Home » Articoli

Cassazione: legittimo l'accertamento delle violazioni dei limiti di velocitÓ con autovelox non tarati

autovelox multe
La Corte di Cassazione, con ordinanza 17 settembre 2012, n. 15603, ha respinto il ricorso di un automobilista sanzionato per eccesso di velocitÓ ex art. 142 Codice della strada. L'automobilista, rivoltosi giÓ al Tribunale, si Ŕ rivolto alla Corte di Cassazione lamentatando che i giudici di merito non avrebbero tenuto conto che la violazione al codice della strada era stata rilevata con apparecchiatura automatica, senza che vi fosse stata una dimostrazione da parte dell'amministrazione della sussistenza dei parametri di taratura dell'apparecchiatura elettronica usata per il rilevamento dell'eccesso di velocitÓ.

La Cassazione, richiamando anche la precedente giurisprudenza di legittimitÓ, ha affermato che "in tema di sanzioni amministrative per violazione al codice della strada, le apparecchiature elettroniche regolarmente omologate utilizzate per rilevare le violazioni dei limiti di velocitÓ stabiliti, come previsto dall'art. 142 Codice della Strada, non devono essere sottoposte ai controlli previsti dalla L. n. 273 del 1991, istitutiva del sistema nazionale di taratura. Tale sistema di controlli, infatti, attiene alla materia ed metrologica diversa rispetto a quella della misurazione elettronica della velocitÓ ed Ŕ competenza di autoritÓ amministrative diverse, rispetto a quelle pertinenti al caso di specie."

La Corte fa anche notare che il ricorrente non si pu˛ avvalere neanche dell'art. 345 del regolamento di esecuzione del nuovo codice della strada che prevede una riduzione al valore km/h e la tolleranza strumentale ammissibile per l'accertamento.

Infatti la norma invocata attiene ad una fattispecie diversa da quella del caso di specie, ossia "ai casi di rilevazione della trasgressione di eccesso di velocitÓ con il c.d. scontrino di entrata-uscita autostradale ai quali Ŕ applicata la riduzione progressiva, per essere la misurazione della velocitÓ effettuata con controlli cartacei e non giÓ apparecchi di misure." Per questi motivi, la Suprema Corte ha rigettato il ricorso.
(21/09/2012 - L.S.)
Le pi¨ lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF