Sei in: Home » Articoli

Rai: lo sprint del vicedirettore invalido

sorpresi stupore stupiti bamboccioni ops incredibile
di Barbara LG Sordi -
La televisione di Stato non è certamente la mia passione, lo ammetto. Però spesse volte le inimicizie se le cerca con il lanternino! È il caso di questo episodio, così mediocremente italiano, per carità, che però non deve essere né ignorato né sottovalutato. Perché al solito siamo noi a pagare, senza nemmeno sapere dove i nostri soldi vanno a finire. Allora, accade che in Rai si stipulino polizze assicurative per i propri dipendenti (tutti, inclusi quelli delle consociate Rai Cinema, Rai Net, Rai Way e Rai World) con la Fondiaria Sai, per i rischi di infortunio; le polizze sono estremamente vantaggiose per gli intestatari, tanto da coprire gli infortuni accaduti nelle fasce orarie extra-lavorative. Accade così che un bel dì, durante una gita in bici a Villa Borghese, il vicedirettore della Rai, l'avvocato Gianfranco Comanducci sia caduto rompendosi la clavicola. Cavoli e dolori suoi penserete voi. Invece no, l'avvocato ottiene una certificazione di invalidità permanente e un indennizzo di mezzo milione di euro. La Sai si ritira anticipatamente dal contratto, temendo certamente la comparsa di centinaia di invalidi pretenziosi. Nel mentre il nostro avvocato continua a dilettarsi con le corse in bici, tanto che il compagno di pedalate, tal Max Lelli, nel suo sito ha postato commenti sulle schilometrate insieme con Comanducci e Matteo Marzotto in Maremma e sull'Argentario. Se non è truffa questa.
Ah, scordavo un piccolo particolare. È lo stesso Comanducci l'incaricato di stipulare le assicurazioni. Al momento attende al vaglio le offerte di compagnie interessate...
Email barbaralgsordi@gmail.it
(27/08/2012 - Barbara LG Sordi)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF