Sei in: Home » Articoli

Cassazione: inutilizzabili le intercettazioni non autorizzate della polizia con confidenti

Le Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione (Sent. 36747/2003) hanno precisato che non sono utilizzabili, come prova, le registrazioni fonografiche effettuate clandestinamente da operatori di polizia giudiziaria e rappresentativa di colloqui intercorsi tra gli stessi e i loro informatori o le persone informate sui fatti o gli indagati, effettuata a iniziativa dei primi e all'insaputa dei secondi. Con questa decisione, i Giudici di Piazza Cavour hanno risolto il contrasto giurisprudenziale sul punto, precisando che l'utilizzabilità probatoria dei contenuti della registrazione è subordinata all'autorizzazione dell'autorità giudiziaria nelle forme e nei termini previsti per le intercettazioni di conversazioni o di comunicazioni tra presenti. I Giudici hanno inoltre evidenziato come, l'inutilizzabilità delle prove così raccolte, è legata al fatto che, in tale maniera "si renderebbe il processo permeabile da apporti probatori unilaterali degli organi investigativi e soprattutto si aggirerebbero le regole sulla formazione della prova testimoniale nel contraddittorio dibattimentale".
(22/10/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Avvocati matrimonialisti, boom di matrimoni tra over70 e badanti
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss