Sei in: Home » Articoli

Cassazione: omessa notifica nel domicilio eletto dall'imputato dell'avviso d'udienza preliminare

Condividi
Seguici

Le Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione(Sent. 35358/2003), hanno stabilito che l'omessa notifica all'imputato (nel domicilio eletto ai sensi dellÂ’art. 161 c.p.p.), dell'avviso relativo all'udienza preliminare determina nullità assoluta e insanabile, rilevabile d'ufficio e deducibile in qualunque stato e grado del procedimento, sorgendo preclusione solo con la formazione del giudicato. I Giudici hanno infine precisato che "in relazione alla possibilità che la nullità venga rilevata d'ufficio è opportuno sottolineare che, poiché il verbale dell'udienza preliminare viene inserito nel fascicolo del Pm, il giudice del dibattimento sarà comunque abilitato a chiedere in visione e ad esaminare gli atti introduttivi della medesima, la conoscenza dei quali - che si verificherebbe del resto anche nell'ipotesi in cui sia la parte a sollevare l'eccezione - non incide, stante la loro natura puramente processuale, sulla terzietà ed imparzialità di detto giudice". Con questa decisione i Giudici del Palazzaccio hanno risolto il contrasto giurisprudenziale che era sorto sugli effetti connessi del mancato avviso per l'udienza preliminare.
(14/10/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Cassazione: la gelosia ossessiva è reato
» Fino a 14 anni di carcere per il reato di sfregio
» La causa petendi
» Il padre mantiene la figlia avvocato non ancora autosufficiente
» Cassazione: sms e e-mail fanno piena prova in giudizio

Newsletter f t in Rss