Sei in: Home » Articoli

Intervento del Garante sulla privacy in materia di pignoramento dello stipendio

Condividi
Seguici

Il Garante per la riservatezza, con la newsletter dello scorso 10 marzo, ha sanzionato la dicitura “pignoramento” sul cedolino dello stipendio. Tale parola andrà dunque eliminata e sostituita con altre espressioni (ad esempio “altre trattenute”) comunque idonee a rendere comprensibile la voce, ma nello stesso tempo più generiche, in modo da non consentire ai terzi di venire immediatamente a conoscenza della difficile situazione in cui versa il lavoratore. Sempre per salvaguardare i delicati aspetti della sfera privata del lavoratore, sul cedolino non si potrà più indicare neppure la specifica causale del pignoramento, dovendo lo stesso limitarsi a riportare le sole notizie indispensabili a documentare al dipendente le diverse voci relative alle competenze e alle trattenute.
(21/03/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» La madre risarcisce il figlio per avergli impedito di vedere il padre
» Codice della strada: arriva la riforma
» Il reato di maltrattamenti in famiglia
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Reddito di cittadinanza, c' la seconda ricarica

Newsletter f t in Rss