Sei in: Home » Articoli

PMI, agevolazioni per tutela prodotti italiani all'estero

imprese impiegati pmi accordo lavoro
Il Ministero dello Sviluppo Economico concederà con la collaborazione di Unioncamere agevolazioni a favore di micro, piccole e medie imprese al fine di promuovere l'utilizzo dei diritti di proprietà industriale, strumento privilegiato di valorizzazione della loro capacità innovativa.

Le PMI italiane avranno quindi l'opportunità di tutelare i propri prodotti con più facilità anche sui mercati esteri. Nello specifico le agevolazioni consentiranno di favorire la registrazione di marchi comunitari presso l'Ufficio per l'armonizzazione nel mercato interno e favorire la registrazione di marchi internazionali presso l'Organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale.

Il totale delle risorse messe a disposizione ammonta complessivamente a 4.500.000 euro, e il bando relativo è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 105 del 7 maggio 2012.

Per ciascuna domanda di marchio depositata l'importo dell'agevolazione può variare dai 4 ai 6 mila euro e copre l'80% o il 90% delle spese ammissibili sostenute in funzione dei Paesi designati per la registrazione; ogni impresa ha la facoltà di presentare più domande di registrazione di marchi, per un totale massimo complessivo di 15 mila euro di agevolazioni.

Il gestore dal bando al quale le domande di agevolazione possono essere presentate è Unioncamere, a partire dal 4 settembre 2012, ovvero il 120° giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta; sarà l'ordine cronologico di presentazione delle domande, inoltre, a sancire chi avrà la precedenza nell'attingere alle risorse a seguito di procedura valutativa allo sportello, e fino a comunicazione da parte di Unioncamere di esaurimento delle stesse.

(15/05/2012 - Andrea Proietti)
In evidenza oggi:
» Hoverboard: multe fino a 99 euro per chi circola su strada e marciapiedi
» Divorzio: niente assegno all'ex che può mantenersi
» Multe e atti giudiziari: addio alla comunicazione di avvenuta notifica (CAN)
» Cassazione e obbligo iscrizione gestione separata Inps: quali conseguenze per gli avvocati?
» Il decreto ingiuntivo europeo


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss