Sei in: Home » Articoli

Cassazione: via libera a 'Ti spacco il cu..'

Via libera a 'ti spacco il cu..'. Un'espressione che, d'ora in poi, si potra' utilizzare per difendersi sul lavoro. Anche se ''volgare'', l'espressione - sancisce la Corte di Cassazione - non costituisce una ''minaccia'', neppure se indirizzata al datore di lavoro. Il motivo? ''Ti spacco il cu.. -dice piazza Cavour- non viene certamente intesa alla lettera, ma assume un significato evocativo di una dura sanzione, o comunque reazione'' che resta pur ''sempre nel linguaggio figurato''. Dunque non ha in se' nulla di minaccioso e non costituisce reato. Il caso: Guido G, guardia giurata presso un'azienda di Fermo, stanco delle ''ritorsioni'' cui era sottoposto, aveva incaricato due colleghi di riferire ai datori di lavoro, Dino A. e Flavia F., che avrebbe loro ''spaccato il cu..''. Una frase senza dubbio ''minacciosa'' e meritevole di condanna penale secondo il Tribunale di Fermo che aveva condannato Guido per il reato di minaccia.
(26/09/2003 - Roberto Cataldi)
Le pi lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Preavviso di licenziamento e dimissioni: durata, conseguenze e fac-simile
» Curriculum vitae: guida alla redazione con fac-simile
» Processo civile telematico: attenzione a come si deposita la sentenza impugnata in Cassazione!
» Equo compenso per tutti: avvocati e professionisti
In evidenza oggi
Udienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio  illegittimoUdienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio illegittimo
Addio riparazione per lo stalkingAddio riparazione per lo stalking

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF