Sei in: Home » Articoli

Giro d'Italia, presentata la campagna contro il doping "Borraccia trasparente"

ciclismo, giro d'italia
Si è tenuta il 2 maggio presso la sala stampa di Palazzo Chigi la conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa intitolata “Borraccia trasparente”, campagna contro il doping promossa dal Ministro degli Affari Regionali, Turismo e Sport Piero Gnudi con la partecipazione di Radio 1 in concomitanza del Giro d'Italia. “La campagna, che si svolgerà in concomitanza con il Giro d'Italia di ciclismo, intende diffondere i valori di correttezza e legalità in ogni disciplina sportiva, attraverso la ribalta di una delle competizioni piu' popolari ed amate dagli italiani”, è quanto dichiarato nel comunicato stampa diffuso dal Governo. L'iniziativa, giunta alla terza edizione, prevede l'utilizzo della borraccia come “simbolo del ciclismo amatoriale e professionistico” e “veicolo di promozione dello sport pulito, senza trucchi”: nel corso del 95° Giro d'Italia verranno distribuite circa 30.000 borracce con lo slogan “niente doping solo sport” in tutte le località toccate dalla carovana, borracce che diventeranno dei gadget che richiameranno l'attenzione sui valori dello sport. Oltre al Ministro Piero Gnudi e al Ministro della Salute Renato Balduzzi, hanno partecipato alla conferenza anche altri personaggi del mondo politico, sportivo e musicale, come il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Antonio Catricalà, il Presidente del Coni Giovanni Petrucci, il Presidente del Comitato Paralimpico Luca Pancalli nonché il presidente RAI Paolo Garimberti e il Direttore di Radio 1 Antonio Preziosi; Radio 1 sosterrà l'iniziativa con un edizione speciale di BaoBab dal lunedì al venerdì dalle 15,00 alle 17,30.
(08/05/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Pensioni: Ape volontaria, pronte le convenzioni
» Diritto di recesso: cos'è e come si esercita
In evidenza oggi
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione
Autovelox: addio multa sul rettilineo senza l'altAutovelox: addio multa sul rettilineo senza l'alt

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF