Codacons: carrello spesa aprile rincara del 4,7%, Governo non aumenti Iva a ottobre

spesa_pubblica id10940
L'Istat ha svelato nuove stime preliminari riguardanti il rincaro annuo del carrello della spesa: si tratta di un aumento del 4,7% per i prodotti acquistati più frequentemente, valore ancora più alto del record registrato il mese scorso. Il Codacons ha quindi stimato che una famiglia di 3 persone spenderà per la spesa giornaliera 635 euro in più su base annua, mentre una famiglia di 4 persone sarà costretta a sborsare 686 euro in pù. “E' evidente che aumentare ad ottobre l'Iva significherebbe una ulteriore spinta sui prezzi già alle stelle”, ha dichiarato il Codacons, secondo il quale l'effetto sull'inflazione varierebbe tra l'1,32% e l'1,74% a seconda che scattino gli arrotondamenti o si verifichino fenomeni speculativi. L'associazione ha quindi proposto nuovamente al Governo Monti, dopo numerose richieste fatte pervenire dal mese di dicembre, di abolire l'aumento dell'Iva previsto per il mese di ottobre 2012. Il Codacons ha inoltre proposto a Monti alcuni tagli a quelli che vengono considerati “sprechi della politica”: tra questi, l'eliminazione delle comunità montane, definite più inutili delle province, l'abolizione dei consigli di amministrazione delle partecipate degli enti locali, e l'introduzione del principio di commisurare le detrazioni fiscali al reddito dichiarato, cosicché, ad esempio, non siano concesse a chi dichiara di guadagnare oltre 75.000 euro.
Riguardo quest'ultimo punto, l'associazione ha infatti ricordato che un miliardario può detrarre l'acquisto di beni e servizi non indispensabili, come l'acquisto della cucina nuova, le spese per l'iscrizione di un figlio al club di tennis, le spese di locazione per il figlio universitario, le spese di ristrutturazione di una delle tante ville, e altro ancora.
(02/05/2012 - Andrea Proietti)
In evidenza oggi:
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Avvocati matrimonialisti, boom di matrimoni tra over70 e badanti
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss