Sei in: Home » Articoli

Il "riciclaggio" delle ricariche telefoniche

La Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 32440/2003) ha stabilito che la persona che ricarica il proprio telefonino utilizzando indebitamente codici di accesso sottratti al legittimo proprietario, viola la legge antiriciclaggio. I Giudici di Piazza Cavour hanno infatti precisato che la tessera di ricarica del telefono, che ha il fine di abilitare alla prestazione dei servizi telefonici, costituisce un documento analogo alle carte di credito o di pagamento e, la condotta del soggetto che la utilizza indebitamente, integra una palese violazione dell?art. 12 del decreto-legge 3 maggio 1991 n. 143 convertito in legge 197/91(c.d. "legge antiriciclaggio").
(29/09/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
Le pi¨ lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
In evidenza oggi
Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderireAssicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF