Sei in: Home » Articoli

Adoc: Aumento tassazione porterà calo consumi del 9% e Pil ridotto di 100 miliardi di euro

crisi fallimento grafico default soldi
L'Adoc, Associazione per la Difesa e l'Orientamento dei Consumatori, ha effettuato uno studio secondo il quale l'aumento della tassazione, pari ormai all'8% del reddito, potrebbe portare a serie e negative conseguenze: si parla di un probabile calo medio dei consumi del 9%, un potenziale taglio del 20% dei posti di lavoro, e di un complessivo 7% di entrate in meno nelle casse dello Stato, con riduzione del Pil pari a 100 miliardi di euro annui. Carlo Pileri, presidente dell'associazione, ha commentato i dati nel dettaglio: la diminuzione del reddito medio dell'8% porterebbe secondo Pileri ad una decurtazione media di oltre 1200 euro l'anno, con la conseguenza del calo del 9% dei consumi generali delle famiglie, le quali avendo poca disponibilità soprattutto per beni e secondari, porterebbero alcuni settori, come quello automobilistico, turistico e della ristorazione, a un calo delle vendite medio attestabile al 15%. Il forte calo delle vendite combinato alla maggiore tassazione a carico di commercio e industria porterebbe inoltre secondo Pileri ulteriori devastanti conseguenze: il ridimensionamento o addirittura la chiusura del 25-30% dei negozi e del 15-20% delle imprese industriali e agricole, l'aumento medio dell'8-10% dei prezzi di beni e servizi per contrastare le entrate ridotte e, infine, il già menzionato taglio dei posti di lavoro fino al 20%. “Uno scenario catastrofico il cui avverarsi deve essere assolutamente impedito.
Il Governo deve impegnarsi duramente per far crescere i consumi, riducendo il carico fiscale sia alle famiglie che alle imprese, a partire dalle accise sui carburanti e fronteggiando la spirale inflazionistica che potrebbe mettere in ginocchio l'intero Paese”, ha infine dichiarato Carlo Pileri.
(26/04/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» L'accollo
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Separazioni e divorzi davanti al sindaco
» Rapporto di lavoro: le dimissioni
In evidenza oggi
Responsabilità medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilità medica: la prova del danno spetta al paziente
Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figliRischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF