Sei in: Home » Articoli

Cassazione: medico deve salvaguardare salute del paziente e non pu˛ limitarsi a consigliare di andare in ospedale

dentista id10441
Ancora un chiarimento dalla Corte di Cassazione in materia di responsabilitÓ medica. Questa volta di Ermellini fanno presente che il medico anche se non pu˛ erogare la prestazione richiesta deve comunque darsi da fare. In sostanza non pu˛ limitarsi a consigliare una struttura al paziente ma deve fare "tutto quello che e' nelle sue capacita' per la salvaguardia dell'integrita' del paziente". Con questa motivazione la Quarta Sezione Penale della Corte ha reso definitiva una condanna per colpa medica inflitta a un dentista (oltre che ad altri medici) perchŔ ritenuto responsabile della morte di un diciannovenne. Il decesso era venuto a seguito di un grave shock settico e di una stasi ematica acuta.
I medici finivano sotto processo per omicidio colposo. Analizzando le posizioni dei singoli medici la Cassazione ha ritenuto, in relazione ad uno di loro "gravemente negligente la sua condotta di fornire un 'mero' consiglio all'accompagnamento in ospedale" del giovane che era risultato affetto da un ascesso "senza assicurarsi che i medici di destinazione fossero informati in modo preciso della gravita' della situazione e a supporto fosse trasmessa un'adeguata documentazione medica". Secondo la Corte di Cassazione "una volta che un paziente si presenta presso una struttura medica chiedendo l'erogazione di una prestazione professionale, il medico, in virtu' del 'contratto sociale', assume una posizione di garanzia della tutela della sua salute e anche se non puo' erogare la prestazione richiesta deve fare tutto quello che e' nelle sue capacita' per la salvaguardia dell'integrita' del paziente". Per quanto riguarda la colpa medica del dentista la Corte fa notare che questa deriva dal fatto che "pur avendo una qualificazione professionale che gli avrebbe consentito di effettuare una precisa diagnosi della patologia" del paziente "cosi' da redigere una certificazione medica idonea ad agevolare l'opera dei successivi sanitari interventi, anche segnalando l'urgenza, si limito' ad invitare il paziente e i genitori a recarsi all'ospedale".
(13/04/2012 - N.R.)
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione

Newsletter f g+ t in Rss