La Sezione Tributaria della Corte di Cassazione (Sent. 10481/2003) ricordando che il ricorso tributario può essere presentato alla Commissione Tributaria anche a mezzo del servizio postale, ha chiarito che tale modalità di presentazione equivale a una vera e propria notifica che si perfeziona dal momento della spedizione e non da quello della ricezione del plico. La Corte ha precisato inoltre che la spedizione a mezzo busta (anziché a mezzo plico, come richiesto dalla legge) costituisce una mera irregolarità e non un requisito di validità.
Condividi
Feedback

(25/09/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Coronavirus: mutui sospesi anche per professionisti e autonomi
» Coronavirus e diritto di visita ai figli in altro comune