Sei in: Home » Articoli
 » scuola

MEDIATORE professione del futuro - Mediazione ed annunci ingannevoli visti dal lettore Dr. ZAZZERONI

Condividi
Seguici

mediazione contratto2 id0
POSTA e RISPOSTA n.290 dà il benvenuto al Dott. MARCO ZAZZERONI; con il post delle h.10:44 del 2 aprile 2012, inviato dall'account marco.zazzeroni@aimef.it, così espone il suo pensiero qualificato su mediazione e dintorni: "Sono un Mediatore Familiare (AIMeF) e, nell'anno 2011, ho acquisito, presso una Università Pubblica, anche il titolo di Mediatore Civile e Commerciale. Purtroppo, fin dall'apparire del d.lgs. 28/2010 mi è parso subito chiaro che, al momento, il vero "business" della Mediazione sarebbe stata la formazione dei Mediatori. Peraltro sarebbe bastato che il legislatore (che in teoria potrebbe ancora farlo) avesse previsto l'obbligo, per gli Organismi di Formazione, di iscrivere automaticamente coloro che superano il corso almeno ad un Organismo di Mediazione. Risultato: 1. Nessun osceno proliferare degli annunci ingannevoli rivolti ai precari ed ai disoccupati sulla "professione del futuro" (intanto nel presente pagatevi il corso che per il futuro poi si vedrà!) 2. Tendenza all'equilibrio fra Mediatori Formati e bisogno di Mediatori degli Organismi. Ciò, probabilmente avrebbe anche consentito di prevedere che il corso non si risolvesse in 52 misere ore, con evidenti ricadute positive sulla Professionalità, oltrechè l'immagine, del Mediatore e della Mediazione Civile e Commerciale. Grazie per il pregevole lavoro di informazione giuridica. Dott. Marco Zazzeroni". - Grazie a Te, caro Marco, per l'apporto dato al dibattito.
Che continua sempre su questo form.
(04/04/2012 - Avv.Paolo Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilitÓ civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
In evidenza oggi:
» Nuovo processo civile: rito unico e addio atto di citazione
» Legittima difesa: va valutato il "turbamento" di chi spara al ladro

Newsletter f t in Rss