Sei in: Home » Articoli

Cassazione: inedificabilità dei terreni colpiti da incendi

Condividi
Seguici

La Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 27799/2003), ha ribadito che i terreni boschivi colpiti da incendi, non sono edificabili per almeno dieci anni e ciò anche in caso di mancata attuazione dell’apposito catasto. I Giudici di Piazza Cavour hanno sottolineato la Legge 353/2000 è stata voluta dal Legislatore per prevenire l’attività di piromani spinti alla distruzione dei boschi, per sfruttare nuovi terreni a fini edilizi. La normativa ha profondamente modificato il regime dei luoghi adibiti a bosco stabilendo (in caso di incendio) l’assoluta inedificabilità per dieci anni dei terreni devastati dalle fiamme.
Anche se l’art. 10 comma 2 della stessa legge prevede la ricognizione dei terreni boschivi già incendiati mediante la costituzione di un apposito catasto, “la mancata attuazione della ricognizione e della stesura dell'apposito catasto, non può essere confusa con la mancata realizzazione di una condizione sospensiva dell'efficacia della legge, poiché non è pensabile, senza contraddire con la lettera ed il fine della nuova norma, che la sua attuazione, sia affidata alla solerzia di qualche funzionario”.
(24/09/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Gratuito patrocinio: compensi uguali per gli avvocati
» Bollette luce e gas: le novità da luglio
» Minaccia aggravata per chi insulta l'amministratore di condominio
» Separazione dei beni ed eredit
» Ricerca beni da pignorare: ecco le linee guida di Milano

Newsletter f t in Rss