oua id10412.png
Una scorciatoia destinata al fallimento. Così Maurizio de Tilla, presidente dell'OUA definisce la proposta di istituire i tribunali delle imprese. "Pur apparendo uno strumento utile al miglioramento del sistema Giustizia - afferma de Tilla - la cosiddetta 'specializzazione' dei magistrati chiamati ad occuparsi della materia dell'impresa, a nostro giudizio, presenta evidenti anomalie sulle quali invitiamo il Governo Monti ed il Guardasigilli Severino a riflettere". Secondo il presidente dell'OUA si tratta solo di un intervento "estemporaneo" in materia di giustizia che non si inserisce in un quadro organico di razionalizzazione e di rivisitazione delle norme e delle prassi processuali finalizzata a snellire tutti i giudizi. Prevedere delle corsie preferenziali solo per alcune materie potrebbe contrastare con norme costituzionali. De Tilla ricorda peraltro che anche le sezioni specializzate oggi sono gravate da arretrati importanti. È comunque impensabile che alle le nuove competenze si possa far fronte con gli stessi magistrati attualmente assegnati alle sezioni e quindi probabilmente si dovranno implementare le nomine. Ciò andrà a discapito della qualità e dei tempi di definizione delle cause ordinarie. L'OUA mette in risalto anche le problematiche relative al numero e alla distribuzione sul territorio delle sezioni "Com'è noto - spiega de Tilla - le sezioni specializzate sono oggi dodici, con molte sezioni che coprono un territorio a cavallo di più regioni. Le sezioni di Roma (Tribunale già gravato da un arretrato considerevole) sono territorialmente competenti per le controversie relative ai territori compresi in ben tre regioni: Lazio, Abruzzo e Sardegna.
Viceversa, in Sicilia sono operative due sezioni (Palermo e Catania) una delle quali (Catania) competente anche per le controversie dei territori calabresi. Il problema è particolarmente grave per la Sardegna, perché, soprattutto alla luce delle ulteriori competenze attribuite alle sezioni, è assurdo e fortemente discriminatorio pensare che cittadini, imprese e avvocati sardi debbano sobbarcarsi oltre ai già elevatissimi costi (su cui torneremo) dei procedimenti anche le relative spese di viaggio fino a Roma". C'è poi il problema della quadruplicazione del contributo unificato che sembra avere l'unico obiettivo di disincentivare la promozione di giudizi rendendo sempre più oneroso l'accesso alla giustizia.
Condividi
Feedback

In evidenza oggi: