Le mance ai croupier del casino' di Venezia per meta' vanno alla casa da gioco. Lo ha deciso la Corte di Cassazione che, con la sentenza 12007, ha respinto il ricorso di 83 croupier ricordando loro che il contratto collettivo li inchioda a questo obbligo. E poco importa - ha aggiunto piazza Cavour - se molti di loro non appartengono ai sindacati che hanno siglato l'accordo. Guadagni divisi dunque cosi' come le spese processuali per il giudizio in Cassazione che per la meta' se le dovra' accollare il casino'.

Condividi
Feedback

(14/08/2003 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi: