Sei in: Home » Articoli

Roma Termini, ADUC condanna la scarsa manutenzione e pulizia della stazione capitolina

aduc
ADUC, Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, ha messo in evidenza attraverso un comunicato stampa corredato da diverse foto lo stato di incuria in cui versa la Stazione Termini, considerato come maggiore scalo ferroviario italiano e secondo in Europa dopo la Gare de Paris Nord a motivo dell'elevato numero di passeggeri che usufruiscono dei suoi servizi. L'associazione sostiene che a cotanta grandezza non corrisponde un'adeguata manutenzione, nonostante fu in passato costituita una societÓ, Grandi Stazioni S.P.A., appartenente per il 60% a Ferrovie dello Stato la quale controlla anche un'altra societÓ, RFI, Rete Ferroviaria Italia, responsabile proprio della dell'efficienza delle infrastrutture ferroviare di 14 stazioni, tra le quali figura anche Termini. L'ADUC aggiunge inoltre che l'utile di Grandi Stazioni nel 2009 Ŕ stato di 37,5 milioni di euro, e si chiede come mai almeno una parte di quei soldi non sia stata impiegata quantomeno per lavori poco dispendiosi, come la sistemazione delle pensiline dalle quali piove, la riattivazione delle fontanelle, la sostituzione di posacenere e raccoglitori di rifiuti e pulizie pi¨ approfondite. Roma Termini, sita in Piazza dei Cinquecento, e che deve il suo nome alla vicinanza delle note Terme di Diocleziano, Ŕ operativa dal 1862, consta allo stato attuale di 31 binari in uso, e si costituisce come nodo centrale della complessa rete di trasporti della capitale; da essa Ŕ possibile avere accesso diretto alle linee A e B della metropolitana e a diversi autobus, filobus e tram.
(22/01/2012 - A.V.)
Le pi¨ lette:
» Addio definitivo alla Siae
» Processo civile: nessun obbligo di depositare in appello il fascicolo di primo grado
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Avvocati: ecco come effettuare il cumulo per andare in pensione prima
» Arriva lo stop per legge alle bollette a 28 giorni
In evidenza oggi
ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Addio definitivo alla SiaeAddio definitivo alla Siae
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF