Sei in: Home » Articoli

Giudice di Pace: la decisione secondo equità

La Corte di Cassazione (Sent. 7293/2003) ha stabilito che per le controversie di competenza del Giudice di Pace, la regola della decisione secondo equità per le cause di valore entro i due milioni ?attiene esclusivamente alle cause decise da detto Giudice secondo valore, e quindi necessariamente alle sole cause attinenti a beni mobili per effetto dell?art. 7 cod. proc. civ.?. Ne consegue, precisano i Giudici del Palazzaccio, che ?se una causa relativa a beni immobili è portata alla cognizione del Giudice di Pace e l?incompetenza non viene rilevata, anche d?ufficio, entro la prima udienza di trattazione, mentre per la questione sulla competenza rimane preclusa, la regola decisionale sarà in ogni caso secondo diritto e non secondo equità, sicchè l?impugnazione proponibile avverso tale decisione sarà solo l?appello e non anche il ricorso per Cassazione che, se proposto, dovrà essere dichiarato inammissibile?.
(29/07/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» Responsabilità medica: l'art. 590-sexies e l'intervento delle Sezioni Unite


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
RIMEDI ALTERNATIVI AL REPECHAGE IN IPOTESI DI LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO DETERMINATO DA RIORGANIZZAZIONE AZIENNDALE PER RIDUZIONE DI PERSONALE OMOGENEO E FUNGIBILE