Sei in: Home » Articoli

Cassazione: no all'espulsione dello straniero che convive con un parente minorenne

immigrato clandestino straniero extracomunitario
In tema di immigrazione, con sentenza n. 25963, depositata il 5 dicembre 2011, la prima sezione civile della Corte di Cassazione ha stabilito che la convivenza dello straniero presente “illegalmente” sul territorio nazionale con un parente italiano entro il quarto grado minore di età, integra la condizione di inespellibilità di cui all'articolo 19 del d.lgs. 286/1998. Secondo la ricostruzione della vicenda, la Prefettura di Milano, ha proposto ricorso per cassazione contro il decreto con il quale il Giudice di pace di Milano ha accolto l'opposizione al decreto di espulsione proposta dallo straniero.
Secondo il giudice del merito, poiché il ricorrente conviveva con la nipotina (figlia minore della propria sorella, coniugata con un cittadino italiano) avente cittadinanza italiana (all'epoca di sette mesi), era applicabile il divieto di espulsione di cui all'art. 19, comma 2, lett. e), d.lgs. n. 286/1998. La Corte di Cassazione, rigettando il ricorso della Prefettura ha sancito che lo straniero che è presente illegalmente in Italia non può essere espulso se convive con la nipotina che ha la cittadinanza italiana e, dopo avere dato atto che nella fattispecie decisa la volontà di mantenere il rapporto di convivenza era stata manifestata sia dal minore che dai genitori dello stesso, ha ritenuto operante il divieto di espulsione del clandestino.
Consulta testo della sentenza n. 25963/2011
(14/12/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilità
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Arriva la dichiarazione Iva precompilata e l'obbligo della fattura elettronica tra privati
» Il concorso di colpa nel processo penale
In evidenza oggi
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Paga i danni a madre e figlio il padre che ostacola i rapporti tra i duePaga i danni a madre e figlio il padre che ostacola i rapporti tra i due
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF