Sei in: Home » Articoli

Suicidio assistito e SLA - Ci scrive Caterina CIRCELLI

bosco piante
POSTA e RISPOSTA n°167 è dedicata alla lettrice CATERINA CIRCELLI che il 6 dic '11, in due riprese, alle h.12:34 ed h.13:02, ha inviato a Studio Cataldi alcuni suoi pensieri, anche coinvolgenti sotto il profilo affettivo, sulla vicenda di Lucio Magri: "Mia madre aveva la Sla ed era nelle stesse condizioni di Welby. Non poteva parlare, mangiare, bere ed era completamente paralizzata, però non so se, qualora ne avesse avuto la possibilità, avrebbe approfittato del suicidio assistito. Credo che ognuno di noi faccia la sua scelta anche in base al fatto se si vuole o no continuare a sperare in un miracolo divino o della scienza.
Anche a me fa rabbia che un uomo si suicidi solo per un motivo per me assurdo. Ricordo una canzone di Domenico Modugno che diceva: la notte era finita e ti sentivo ancora sapore della vita. Meraviglioso. Meraviglioso. Se vuole pubblichi pure il mio commento. La vita è una cosa sacra che va difesa con i pugni e con i denti, non gettata così." - Rivolgo un particolare ringraziamento a Caterina per il suo contributo.
(10/12/2011 - Avv.Paolo Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
In evidenza oggi:
» Parcheggiare male è reato?
» Giustizia penale: approvata la riforma delle impugnazioni
» Bonus avvocati 2018: domande entro il 10 febbraio
» Mantenimento: verso l'addio al tenore di vita anche per il coniuge separato
» Calcola il codice fiscale online


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss