Sei in: Home » Articoli

Cassazione: valida la notifica degli atti presso la filiale di una societÓ

cassazione
╚ valida la notifica degli atti presso la filiale di una societÓ. Non Ŕ necessario che il plico venga consegnato presso la sede legale nÚ che a riceverlo sia l'amministratore. ╚ questo il contenuto della sentenza n. 24842, depositata il 24 novembre 2011 dalla sesta sezione civile. Secondo la ricostruzione della vicenda, una societÓ spa, rimasta contumace in primo grado, aveva proposto appello avverso la sentenza del giudice di pace di Messina in una causa promossa nei suoi confronti, sostenendo la nullitÓ della notifica dell'atto introduttivo del giudizio in quando non effettuata presso la propria sede legale di Catania ma presso la filiale della societÓ sita in Messina.
Inoltre la societÓ deduceva la nullitÓ della sentenza in quanto emessa nei confronti di un soggetto privo di rappresentanza legale. Dopo il rigetto da parte del Corte di appello del gravame proposto dalla societÓ, la stessa proponeva ricorso per cassazione, deducendo violazione e falsa applicazione degli artt. 46 e 145 c.p.c e vizi di motivazione in relazione alla ritenuta validitÓ della notifica dell'atto introduttivo del giudizio. Rigettando il ricorso, la Corte ha spiegato che deve considerarsi valida la notificazione eseguita nella sede effettiva di una societÓ avente personalitÓ giuridica anzichÚ nella sede legale, operando anche ai fini della disciplina delle notificazioni contenuta nell'art. 145 c.p.c. la disposizione di cui all'art. 46 cpv. c.c., secondo il quale, qualora la sede legale della persona giuridica sia diversa da quella effettiva, i terzi possono considerare come sede della stessa anche quest'ultima╗. Non solo la sesta sezione civile ha aggiunto che ai fini dell'equiparazione di fronte ai terzi, ex art. 46 c.c., della sede effettiva a quella legale, deve intendersi per sede effettiva il luogo in cui hanno concreto svolgimento le attivitÓ amministrative e di direzione dell'ente e dove operano i suoi organi amministrativi o i suoi dipendenti, ossia il luogo deputato e stabilmente utilizzato per l'accentramento dei rapporti interni e con i terzi in vista del compimento degli affari dell'ente medesimo.
Consulta testo sentenza n. 24842/2011
(11/12/2011 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» I figli hanno l'obbligo di mantenere i genitori?
» Omicidio stradale e guida in stato di ebbrezza: unico reato
» L'archiviazione del giudizio
» I figli hanno l'obbligo di mantenere i genitori?
» Auto carica di bagagli? Multe fino a 338 euro


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss