Sei in: Home » Articoli

Cassazione: competenza territoriale nelle controversie di lavoro

La Corte di Cassazione (Sent. 7358/2003) ha stabilito che "in tema di competenza territoriale, per le controversie in materia di lavoro, il quarto comma dell?art. 413 cod. proc. civ. (introdotto dall?art. 1 legge n. 128 del 1992 e previdente, per le controversie concernenti i rapporti di collaborazione di cui all?art. 409 n. 3 cod. proc. civ., l?attribuzione della competenza al giudice nella cui circoscrizione si trova il domicilio dell?agente, del rappresentante o del titolare di altri rapporti di collaborazione), introduce un foro esclusivo, non alternativo né concorrente con gli altri fori indicati dal medesimo art. 413". La conseguenza è che, precisa la Corte, "ove non sia possibile il collegamento suindicato, non è applicabile la disciplina speciale dettata dagli altri commi dell?art. 413 citato, ivi compresa la disposizione relativa alla inderogabilità della competenza, ma è applicabile la disciplina ordinaria, che può essere derogata per accordo tra le parti a norma dell?art. 28 cod. proc. civ."
(24/06/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
RIMEDI ALTERNATIVI AL REPECHAGE IN IPOTESI DI LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO DETERMINATO DA RIORGANIZZAZIONE AZIENNDALE PER RIDUZIONE DI PERSONALE OMOGENEO E FUNGIBILE