strada segnale id8454
POSTA e RISPOSTA n°154 ospita lo sfogo di DANGERIO2002 che, alle h.16:59 del 22 nov '11 invia a Studio Cataldi il seguente dispaccio: "Premesso che i limiti di velocità, così come imposti, servono solo a fare cassa, diventando tasse surrettizie, che il rispetto pedissequo di tali limiti imporrebbe brusche frenate e conseguenti pericoli di tamponamenti, anche a catena; in uno stato più civile, invece, servirebbe, a mio avviso, una segnaletica che richiami situazioni di pericolo (incroci, curve a gomito, strade dissestate ecc.), fidando nella maturità dei conducenti, inasprendo, semmai, le pene in caso di accertata responsabilità per guida pericolosa e/o non responsabile. Speriamo che il legislatore voglia avere più rispetto per i conducenti di mezzi a motore e per il loro senso di responsabilità". Me lo auguro anch'io, caro DANGERIO2002 e Ti ringrazio per il contributo. Il pratica form qui in calce è a completa disposizione per altri, utili apporti alla discussione sulla viabilità.

Altri articoli di Paolo Storani | Law In Action | Diritti e Parole | MEDIAevo | Posta e risposta
Condividi
Feedback


Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
In evidenza oggi: