La Corte di Cassazione (Sent. 7351/2003) ha stabilito che il diritto al rimborso delle spese sostenute per assistenza sanitaria in strutture private, è subordinato all’impossibilità di ottenere adeguatamente e tempestivamente le stesse prestazioni in strutture pubbliche o convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale. La Corte ha precisato che il relativo onere probatorio grava sull’assistito che chiede il rimborso.
Condividi
Feedback

(22/08/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Coronavirus: stop agli incontri tra padre e figlio residenti in comuni diversi
» Arriva il reddito d'emergenza