Sei in: Home » Articoli

Cassazione: rapporti di coppia sadomaso possono costituire reato

sadomaso id11017
La pratica di rapporti sadomaso all'interno di una coppia possono costituire reato. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione specificando che in questo genere di rapporti la donna, anche se non in un atteggiamento di remissione nei confronti del partner, e' sempre "in una situazione di debolezza e fragilita'" rispetto a lui. Per questo l'uomo pu finire sotto processo per il reato di maltrattamenti. Con questa motivazione la suprema Corte ha confermato una condanna inflitta a un 60enne che aveva costretto sua moglie a "rapporti di tipo sadomasochista con molteplici inversioni di ruolo". La donna aveva accettato quel tipo di rapporti ma poi aveva denunciato il marito. Sia il Tribunale sia la Corte d'Appello emettevano verdetto di condanna e l'imputato proponeva ricorso in Cassazione sostenendo che sua moglie aveva accettato quel tipo di rapporti. La sesta sezione penale della Corte per (sentenza n. 39228/2011) ha respinto il ricorso confermando le decisioni dei giudici di merito ed ha evidenziato che "la Corte d'Appello ha dato puntuale conto della peculiarita' del rapporto tra moglie e marito" analizzando "gli aspetti definiti di sadomasochismo, spiegando perche' quella peculiarita' non era incompatibile con le condotte ascritte all'uomo e perche' il carattere anche non remissivo della donna non evitasse una sua situazione di debolezza e fragilita' nei confronti del marito". I giudici di merito, conclude la Corte, hanno ben chiarito come il marito avesse tenuto "un atteggiamento mentale di vero e proprio disprezzo nei confronti della moglie". Tanto bastato a giustificare la condanna.
(03/11/2011 - N.R.)
In evidenza oggi:
» Mantenimento non dovuto al figlio che non vuole lavorare
» Rottamazione-ter: come funziona?
» Riforma pensioni 2019
» Alimenti ritirati dal ministero della Salute: la lista aggiornata
» S al pernotto dal pap anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss